Our Blog

Alessandra Conte Graphic Designer > About Me > News > News > Come si impagina un Curriculum Vitae

Come si impagina un Curriculum Vitae

Curriculum Vitae
Per inaugurare questa nuova sezione del sito ho deciso di scrivere una mini guida su come impaginare e cosa inserire nel Curriculum Vitae.

Punto fondamentale: usare il modulo Europass solo come guida (per scaricarlo clicca qui), infatti questo tipo di CV da troppe informazioni superflue, il datore di lavoro a cui lo inviate deve poter leggere il vostro documento velocemente e capire se siete adatti o meno al lavoro per cui vi state proponendo.

  1. Che foto metto?

    La foto va a destra del documento e le dimensioni devono essere 4,5 x 3,5 cm. Non per forza dovete andare in quelle macchinette diaboliche della stazione a farvele fare, potete farvi scattare una foto da un fotografo o da un amico; l’importante è che lo sfondo sia neutro: non fate sbucare gatti, divani o scale.
  2. Cosa scrivo?
    Informazioni personali:
    Nome e cognome, indirizzo, telefono, email, data di nascita e luogo di nascita.

     

    Esperienza lavorativa
    Questa è la parte più complessa, dovete capire cosa andate a fare e quali sono le skills importanti e fondamentali per il ruolo che volete ricoprire. Ad esempio: volete lavorare in uno studio di grafica? A nessuno importa se avete fatto il dogsitter o se avete fatto i catechisti. Interesserà se avete mai fatto flyer o se avete partecipato a qualche esposizione.
    Scrivere da che mese a che mese e in quale anno avete fatto una determinata attività; se non lo sapete con esattezza ma sapete che era l’estate del 2010 scrivete “Luglio-Agosto 2010”.
    Istruzione e formazione:
    In questo caso non scrivete anche dove avete fatto le medie, ma partite scrivendo l’anno d’iscrizione alle superiori e quello di diploma (se dovete ancora diplomarvi basta scrivete “attualmente”). Per l’Università scrivere il corso di laurea se è triennale o magistrale e quelli che secondo voi sono gli esami che vi hanno dato le conoscenze giuste che possano interessare il datore di lavoro a cui vi rivolgete (non pubblicate tutto il libretto).
    Conoscenza Lingue:
    Non inventatevi di saper delle lingue che poi non sapete (vi beccano subito!) quindi inserite italiano (madrelingua), se lo sapete e SE PUÒ SERVIRE friulano, inglese o qualsiasi altra lingua. Nell’indicare il livello ad esempio, livello B1, sappiate che tutti quelli che hanno utilizzato una certa lingua all’università hanno il livello B1.
    Conoscenze informatiche:
    Inserire tutti i programmi che conoscete, ma che conoscete BENE cioè che sappiate almeno arrivare a sapere le basi. Se avete un portfolio o se la vostra candidatura lo richiede (dipende dalla professione che andate a fare), inserire il proprio portfolio online, altrimenti allegare al vostro curriculum il PDF del portfolio.
  3. Inserisco l’anno/vacanza-studio/Erasmus o qualsiasi altro genere di esperienza all’estero?
    Sì, questo è importante per QUALSIASI lavoro voi vogliate fare.

  4. Il mio CV è cortissimo, che faccio?
    Non ti preoccupare, a meno che tu non abbia 40 anni la motivazione per cui il tuo curriculum è breve è che hai studiato e quindi ti sei concentrato su quello, questo non vuol dire che tu non sia capace di fare niente, invialo e aspetta.
  1. In che formato mandare il Curriculum Vitae
     Unica risposta certa e sicura SEMPRE è PDF. Mi raccomando non file da 2 gb, cercate di renderlo il più leggero possibile.
  2. Che font uso? e che dimensione?
    Usa un font leggibile non dare sfogo alla tua creatività, non ne è il momento. Helvetica, Arial… ce ne sono tanti! Dimensione 10-11 pt; non usare un font superiore ai 13 a meno che il tuo datore di lavoro non abbia forti problemi di vista.

  1. Se lo voglio cartaceo in che formato?
     A4. Non ci sono altre vie, il portfolio può essere più grande ovviamente, ma il Curriculum Vitae A4.
  2. Lo mando? Lo porto?
    Manda! Portalo! Alle peggio non ti risponderanno o ti risponderanno di no.

 

Queste sono le linee guida per un CV esaustivo e veloce. La cosa più importante da non dimenticare mai è lo scopo per cui lo presenti.